DEGRADO: SEDE CNA ANCORA NEL MIRINO VANDALI, DANNEG [..]

Ancora un atto vandalico. A Battilana continua a regnare il degrado. La sede di Cna, lungo il viale Galileo Galilei finita nuovamente nel mirino dai vandali. Danneggiato il nuovo impianto di illuminazione, installato solo alcune settimane fa, in seguito al rifacimento dell’area giardino e dell’area pedonale senza barriere architettoniche. E’ l’ennesimo vandalismo subito dagli artigiani nell’area di Battilana accompagnato dal solito, fastidioso e vergognoso, abbandono di rifiuti. “Questa mattina – si sfoga sulla pagina Facebook dell’associazione il Direttore, Paolo Ciotti - abbiamo trovato il nuovo impianto di illuminazione distrutto da qualche soggetto che non rispetta le regole; il concetto di proprietà privata non fa parte di quella società che noi tutti vogliamo. Non possiamo parlare di bravate, la zona di Viale Galilei e la nuova zona artigianale di Battilana, sono prese di mira da vandali e da persone che sistematicamente abbandonano rifiuti. Credo che sia giusto che ognuno si senta sicuro all'interno della propria proprietà privata, ultimamente però a Carrara stanno accadendo troppi eventi di questo genere. Non è solo un fatto culturale diventa anche un fatto sociale. Siamo molto amareggiati – scrive nel post il Direttore - ogni giorno dobbiamo dimostrare di essere importanti e utili alle imprese e negli ultimi mesi stiamo perdendo energie fra atti vandalici, maleducazione, furti, minacce, abbandono di rifiuti e disinteresse della pubblica amministrazione ai problemi sollevati. Senza regole, senza educazione, senza un senso della società, non si può stare in una comunità”.

E’ l’ennesimo atto vandalico subito dagli artigiani negli ultimi anni. Erano già state danneggiate, in più occasioni, le auto di servizio parcheggiate all’esterno della sede nel tentativo di consumare un furto che non era riuscito. Innumerevoli le segnalazioni di abbandono di rifiuto e presenza di discariche apparse nel giro di una notte nel quadrilatero di Battilana che contribuiscono alla bruttissima immagine del polmone economico di Carrara. Segnalazioni e “lamentele” fino ad oggi inascoltate che hanno costretto Cna a correre ai ripari installando una rete di videosorveglianza sia nell’area artigianale di Battilana – con costi a carico delle singole imprese – sia all’esterno della sede provinciale dove si è consumato l’ultimo episodio. “Installeremo anche qui – conclude Ciotti – un impianto di videosorveglianza. Degrado e vandalismi ci costringeranno, di questo passo, a rinchiuderci dentro le aziende per difenderle con i denti”.