Lunigiana: Reggio-Mare, Cna incontra il sindaco di [..]

Incontro tra Cna e il Comune di Fivizzano. Sul tavolo la progettualità della Reggio-Mare. Il Comune di Fivizzano ha approvato, nell’ultima seduta del consiglio, un ordine del giorno per rendersi capofila dell’iniziativa e coinvolgere tutte le istituzioni e associazione di categoria. All’incontro hanno partecipato direttore generale della Cna di Massa-Carrara, Paolo Ciotti e il responsabile delle relazioni istituzionali dell’associazione, Gino Angelo Lattanzi. “In quest’ottica – spiega il primo cittadino di Fivizzano, Gianluigi Giannetti - ho trovato grande disponibilità da parte di Cna e comunione d’intenti. Un ulteriore tassello per fare massa critica e promuovere l’idea ai massimi vertici statali. Ringrazio la Cna per il supporto e l’attenzione dimostrata nei confronti dei nostri territori”. Da parte sua la principale associazione degli artigiani ha evidenzia come l'incontro “sia stato positivo in quanto riprendere l'idea progettuale della detta Fivizzano mare e/o Reggio-Fivizzano –mare è una buona occasione per fare emergere le necessità di nuovi collegamenti considerando che abbiamo tracciati stradali secolari se non addirittura millenari e oggi non più corrispondenti alle esigenze e necessità di mobilità dei cittadini. Secondo Cna è arrivato “il momento di fare chiarezza in quanto qualsiasi nuova infrastruttura che si vuole realizzare deve ben tenere di conto, non solo della salvaguardia ambientale che è cosa importante, ma anche di superare i condizionamenti politici e amministrativi in termini di confini localistici. E’ necessario – ribadisce Cna - guardare al futuro nel contesto di una effettiva programmazione territoriale nella consapevolezza che la dotazione di infrastrutture rappresenta, per un sistema produttivo, un aspetto fondamentale per il rafforzamento e lo sviluppo del tessuto imprenditoriale, per agevolare l’attività delle aziende presenti a livello locale e allo stesso tempo costituire uno stimolo per l’insediamento di nuove attività produttive. Le infrastrutture stradali – conclude Cna - sono un veicolo determinante per la competitività delle economie locali e per creare, conseguentemente, anche nuova occupazione”.