CREDITO IMPOSTA LOCAZIONI

Credito d’imposta locazioni spendibile dal 25 marzo

QUALI REQUISITI SOGGETTIVI SONO RICHIESTI AL COMMERCIANTE PER POTER GODERE DEL C.D. CREDITO D’IMPOSTA BOTTEGHE E NEGOZI?

Sintesi
Il decreto riconosce ai soggetti esercenti attività d’impresa un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione di marzo 2020 di immobili rientranti nella categoria catastale C/1 (negozi e botteghe).
Il credito d’imposta non si applica ai soggetti esercenti le attività essenziali (es. farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari di prima necessità, ecc.) di cui agli allegati 1 e 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2020.
Il credito d’imposta è utilizzabile, esclusivamente, in compensazione ai sensi dell'articolo 17, D.Lgs. n. 241/1997

Il Contratto di Locazione deve essere regolarmente registrato e i pagamenti non devono essere fatti in contanti

Approfondimento
Tra le misure introdotte a sostegno delle imprese nell’ambito dell’emergenza Covid19, il D.L. 18/2020 ha introdotto un bonus a favore dei negozi: si tratta di un credito d’imposta riconosciuto a favore dei soggetti che conducono in locazione immobili censiti nella categoria catastale C/1 (nella quale sono appunto censiti “negozi e botteghe”).

Con la risoluzione AdE 13/E pubblicata nella serata di venerdì 20 marzo, l’Agenzia delle entrate ha approvato il codice tributo 6914 destinato al credito d’imposta, spendibile in F24 per la compensazione di altri tributi o contributi; l’aspetto di maggior interesse legato al provvedimento di prassi richiamato è legato alla spendibilità (pressoché) immediata di tale credito, in quanto si tratta di un codice tributo utilizzabile del prossimo 25 marzo.

CONSULTA IL PDF ALLEGATO