MUSICA D'AMBIENTE IN PUBBLICI ESERCIZI

Facendo riferimento alla circolare S.I.A.E. del 18/12/2019 – prot. N. 2/555, si ricorda cha dal 1° gennaio 2017 sono state introdotte nuove tariffe per musica d’ambiente in Bar e Ristoranti.

Il 31 dicembre 2019 è scaduto il periodo transitorio che prevedeva una fase di 3 anni (2017-2019) durante la quale l’esercente aveva facoltà di rinnovare l’abbonamento con SIAE in base ai criteri previgenti oppure spostarsi sul nuovo piano tariffario che prevede anche alcune tariffe di tipo flat.

A partire dal 1° gennaio 2020 per tutti i nuovi abbonamenti e per i rinnovi, i compensi saranno calcolati esclusivamente sulla base delle tariffe convenzionalmente introdotte che si riportano nel file allegato.

L’applicazione delle nuove tariffe richiede il parametro dei metri quadrati del locale. In caso di non disponibilità del dato negli archivi SIAE, il calcolo dell’abbonamento sarà effettuato attraverso la tabella di conversione che evidenziamo di seguito:

CATEGORIA                                 FASCIA METRI QUADRATI
4a CATEGORIA                               FINO A 75 MQ
3a CATEGORIA                               DA > 75 MQ A 250 MQ
2a CATEGORIA                               DA > 250 MQ A 500 MQ
1a CATEGORIA E LUSSO                  OLTRE 500 MQ


In tal modo gli importi 2020 dovrebbero essere essenzialmente in linea con quanto corrisposto nel 2019. Ciascun utilizzatore potrà modificare il parametro dei metri quadrati ed ogni configurazione del proprio abbonamento recandosi presso l’ufficio SIAE competente in base all’ubicazione del locale oppure direttamente attraverso il portale musica d’ambiente al www.siae.it

CNA comunica che il Consiglio di Gestione della S.I.A.E. ha deliberato la proroga degli accordi al 31 dicembre 2020 (circolare S.I.A.E. del 10/12/2019-prot. 1274/2019).

La proroga ha il fine di completare l’acquisizione dei dati utili alle revisioni tariffarie.
Si specifica che essa riguarda esclusivamente la disciplina normativa e tariffaria prevista negli accordi.

Le ordinarie scadenze dei pagamenti in base alle distinte tipologie di utilizzazione sono, invece, confermate.

Il Consiglio di Gestione della S.I.A.E. ha, altresì, deliberato di non procedere per l’anno 2020 agli adeguamenti ISTAT delle tariffe per diritti di esecuzione musicale che rimarranno, di conseguenza, invariate