Il 7 febbraio 2024 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato il decreto numero 28 per i contributi alla formazione nel settore dell’autotrasporto per l’annualità 2023, con uno stanziamento complessivo di 5 milioni di euro.

Gli incentivi possono essere richiesti dalle imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi che intendono avviare attività di formazione professionale che coinvolge titolari, soci, amministratori, dipendenti o addetti inquadrati nel Contratto collettivo nazionale logistica, trasporto merci e spedizioni. Le iniziative di formazione o aggiornamento professionale devono essere rivolte all’acquisizione di competenze adeguate alla gestione d’impresa, alle nuove tecnologie, allo sviluppo della competitività ed all’innalzamento del livello di sicurezza stradale e di sicurezza sul lavoro.

Da queste iniziative sono esclusi i corsi di formazione finalizzati all’accesso alla professione di autotrasportatore e all’acquisizione o al rinnovo di titoli richiesti obbligatoriamente per l’esercizio di una determinata attività di autotrasporto.

Le attività formative dovranno svolgersi nel periodo compreso tra il 15 maggio ed il 31 ottobre 2024.

Le domande per accedere ai contributi devono essere presentate, tramite posta elettronica certificata, all’indirizzo PEC dg.ssa@pec.mit.gov.it ed alla società Rete Autostrade Mediterranee per la logistica, le infrastrutture ed i trasporti S.p.A. (RAM Spa) all’indirizzo PEC ram.formazione2024@pec.it a partire dal 14 marzo 2024 ed entro il 15 aprile 2024, sottoscritte con firma digitale dal rappresentante legale dell’impresa, del consorzio o della cooperativa richiedente.

Le specifiche modalità di presentazione e il modello dell’istanza saranno pubblicati sul sito di RAM Spa e del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, nella sezione Autotrasporto merci – Documentazione – Autotrasporto contributi ed incentivi.

Entro il 2 dicembre 2024, a pena di decadenza dal beneficio, dovrà essere inviata tramite PEC all’indirizzo ram.formazione2024@pec.it, nonché alla Direzione generale per la sicurezza stradale e l’autotrasporto all’indirizzo PEC dg.ssa@pec.mit.gov.it, la rendicontazione dei costi sostenuti secondo il preventivo presentato all’atto della domanda, risultanti da fatture in originale o copia conforme.

La documentazione dovrà essere sottoscritta con firma digitale dal rappresentante legale dell’impresa, del consorzio o della cooperativa richiedente.

Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura del decreto ministeriale.