La Legge consente la riproduzione per uso personale di opere dell’ingegno mediante fotocopia, xerocopia o altro sistema analogo nei limiti del 15% di ciascun volume o fascicolo di periodico. Sempre in base alle disposizioni vigenti, gli esercizi che mettano a disposizione dei terzi, anche gratuitamente, apparecchi per fotocopia o xerocopia, devono corrispondere un diritto d’autore qualora intendano consentire la copia di opere protette entro il suddetto limite.

Qualora l’impresa non effettui la riproduzione di opere protette dal diritto d’autore, dovrà esporre in modo visibile su ogni punto macchina il seguente avviso “in questo esercizio non si effettuano copie di opere dell’ingegno protette dal diritto d’autore”.

In allegato la TABELLA SIAE Sezione OLAF – Opere Letterarie ed Arti Figurative – Ufficio Reprografia con la misura dei compensi anno 2024 per diritti di reprografia da punti di riproduzione – categoria punti copia per numero macchine presenti nell’esercizio ed atte alla riproduzione, adeguata al tasso di inflazione reale del mese di ottobre 2023 pubblicato dall’I.S.T.A.T, pari a 1,7%.